tulum
America Centrale,  Viaggi

Tulum tra Archeologia e Mar dei Caraibi

Tulum in lingua Maya significa “difesa”. Forse è proprio questa la vocazione che aveva il sito, vista la sua posizione sulla costa, unica nella tradizione Maya. Questa particolare posizione la rendeva facilmente attaccabile, a patto di trovare un varco nell’insidiosa barriera corallina. Sembra che la città fungesse anche da riferimento per i naviganti, oltre che da importante porto commerciale. Gli effetti di luce attraverso le finestre del “castello” indicavano il giusto percorso alle imbarcazioni!

La città moderna di Tulum (Tulum Pueblo) sorge a circa 3 km della costa ed è una ordinata cittadina dove potrete trovare alberghi, ristoranti e tutto ciò che potete immaginare in una località turistica di mare. Non ha un aeroporto ed è quindi servita da quello di Cancun e dal più piccolo aeroporto internazionale di Cozumel.

Il sito archeologico di Tulum deve la sua celebrità soprattutto alla sua magnifica posizione, che ne ha determinato lo sviluppo e richiama ogni anno migliaia di turisti, unendo l’archeologia alla chiara sabbia del mar dei Caraibi. Per lo stesso motivo, la spiaggia di Tulum (“spiaggia rovine”, per la sua prossimità con le rovine Maya) è qualcosa di indescrivibile. Un luogo surreale dove i colori del mare della sabbia e della giungla si mescolano al fascino delle antichissime rovine. Un mix di antico e selvaggio che non ha pari nel mondo.

Tulum è anche un buon punto d’appoggio per visitare la parte meridionale della Riviera Maya. Molto vicino c’è il sito archeologico di Cobá. Circa 70 chilometri a nord c’è, invece, Playa del Carmen. Potete raggiungerla facilmente in automobile o con una delle linee di autobus che collegano Playa e Tulum con più corse al giorno.

Il sito archeologico

tulum

Lì dove le foreste di mangrovie si aprono su baie di candide sabbie bagnate da acque turchesi e le rocce bianco avorio si affacciano maestose sulle assolate scogliere, all’estremità meridionale della Riviera Maya, sorge il sito archeologico di Tulum.

Le rovine si affacciano su uno splendido tratto costiero che non è ancora stato del tutto contaminato dal grande sviluppo turistico che ha invece interessato le zone di Cancun e Playa del Carmen.

Tulum fu una fortezza Maya che visse il suo momento di maggior splendore attorno al 1000 d.C.,alla fine del periodo classico. La più iconica delle sue strutture, detta “El Castillo“, si trova sul bordo di una scogliera dalla quale si possono ammirare le acque turchesi del mar dei Caraibi.

Tulum è il luogo ideale per fare un tuffo nello Yucatan dei Maya.

Quando visitare le rovine

tulum

Ogni domenica i cittadini messicani possono accedere gratuitamente al sito. Quindi se preferite evitare la confusione scegliete un giorno diverso. Secondo le statistiche, il martedì mattina è il momento meno affollato.


Come spostarsi da e verso Tulum

Per visitare la Riviera Maya e lo Yucatan vi consiglio di noleggiare un’auto. Le strade non sono male, la benzina è molto economica e avrete la libertà totale per visitare tutto quello che vorrete!

In auto

Per arrivare a Tulum e al vicino parco nazionale di Sian Ka’an si deve prendere la superstrada 307 che da Cancun scende a sud in direzione di Playa del Carmen. Superato Akumal (che è un posto bellissimo!!), raggiungerete Tulum poco prima che la strada lasci il tratto costiero per addentrarsi nel Quintana Roo in direzione Valladolid. Poco prima della città di Tulum, che si trova lungo la superstrada, sulla sinistra vedrete il parcheggio del sito archeologico delle rovine Maya.

Sempre la superstrada 307 è la strada da prendere se arrivate da Chetumal o Felipe Carrillo Puerto. In questo caso passerete prima per la città e, dopo un grande incrocio alla fine dell’area urbana, troverete sulla destra l’entrata al parcheggio delle rovine.

Se invece arrivate da Valladolid o Cobà, la strada da prendere è la 180 che poi diventa 109 (o viceversa se partite da Tulum). In questo caso arriverete al grande incrocio che ho citato poco sopra. A destra avrete l’area urbana di Tulum e a sinistra, in direzione Cancun, potrete arrivare alle rovine.

Con il bus

Il terminal ADO a Tulum si trova al civico 7 della Avenida Tulum, in pieno centro città.

Tulum è a circa due ore di viaggio da Cancun e quattro da Chetumal o Merida con i bus ADO. Dal terminal partono sia i bus ADO prima classe che quelli di altre linee, meno costose, come OCC, Mayab e Oriente. I biglietti per tutte le compagnie vengono venduti sempre nel terminal.

I bus di prima classe vi porteranno a destinazione velocemente e comodamente. I bus più economici ve li consiglio se avete un po’ più tempo a disposizione e volete fermarvi in luoghi meno battuti dai turisti. La fermata è a richiesta!

Le destinazioni collegate con il terminal ADO di Tulum sono: Cancún, Cancún Aeroporto, Playa del Carmen, Tulum Rovine Archeologiche, Chichen Itza, Cobá, Felipe Carrillo Puerto, Valladolid, Mérida, Bacalar, Chetumal, Belize, e la maggior parte delle città nel mezzo. Ci sono anche bus di prima classe (diretti) per Città del Messico, Palenque, San Cristobal de Las Casas, Chiapas, Tuxtla e Tuxtepec.

Colectivos

Nei pressi del terminal ADO ci sono diversi colectivo parcheggiati su entrambe i lati della strada. Vi porteranno a sud fino a Felipe Carrillo Puerto e a nord a Playa del Carmen e Cancun.

tulum

Muoversi a Tulum

Per muoversi in città e verso le rovine vi consiglio di noleggiare una bicicletta. Tra l’altro molti hotel offrono il noleggio incluso con la camera.

Anche le rovine sono tranquillamente raggiungibili con le biciclette e risparmierete pure il costo del posteggio.

La spiaggia

tulum

La spiaggia delle rovine di Tulum è senza ombra di dubbio una delle più belle spiagge del continente americano, tanto da essere stata inserita nella top-ten del New York Times. Effettivamente, anche io non ho potuto fare altro che rimanere a bocca aperta.

E’ una delle spiagge più tranquille di tutta la riviera Maya. Nella spiaggia di Tulum la natura è la padrona assoluta. Non troverete grandi hotel ma, al contrario, potrete affittare bungalow semplici o di lusso. Alcuni sono dotati di un generatore elettrico che ha la particolarità di spegnersi automaticamente attorno alla mezzanotte. Un grande stimolo per chi cerca la tranquillità e il silenzio. Sarete solo voi, immersi in una natura a dir poco spettacolare.

tulum

La sabbia è bianca ed è finissima. L’oceano ha un colore azzurro caraibico e cristallino. Se già guardarlo è speciale, immergersi è qualcosa di unico. La sua barriera corallina è la seconda al mondo per grandezza.

A rendere ancora più bella e suggestiva questa spiaggia sono le rovine Maya che si affacciano direttamente sulla sabbia.

Non lontano da Tulum c’è la riserva di Sian Ka’an: qui potrete trovare altre spiagge da sogno, tra sabbia bianca e mare smeraldo.

Quando vi tufferete in queste acque mozzafiato fate attenzione alla scogliera che è vicinissima alla riva, se non addirittura immersa direttamente nel mare.


I cenotes

I cenotes sono le famose cavità con acque dolci, luoghi dal grande fascino e in grado di fornire un fresco diversivo alle afose giornate messicane.

Intorno a Tulum troviamo almeno una quindicina di cenotes. Alcuni di questi sono lungo la costa come, ad esempio, il Cenote Dos Ojos, il Cenote Manatee ed il Cenote Encantado. Altri, invece, si trovano più all’interno come il Gran Cenote, il Cenote Escondido ed il Cenote Mul Tun Ha.

Sian Ka’an

A sud del sito archeologico, verso Punta Allen si trova un altra importante attrazione, il parco naturale di Sian Ka’an. Il nome, di origine Maya, vuol dire “origine del cielo”. Qui l’ambiente naturale conserva ancora il suo fascino primordiale.

Sian Ka’an è l’area protetta più vasta di tutti i Caraibi, al sui interno contiene almeno 23 siti archeologici, un centinaio di specie di mammiferi, diverse centinaia di specie di uccelli. Inoltre è un luogo riproduttivo per le tartarughe di mare. Grazie a queste peculiarità, il sito è patrimonio dell’umanità dell’UNESCO già dal 1987.

L’ingresso al parco costa poco meno di 100 pesos.

Il miglior periodo per visitare Tulum

tulum

Il periodo più indicato per una vacanza a Tulum è dall’inverno fino a metà primavera. In questi mesi il clima è più secco e il caldo attenuato dall’azione dei venti alisei.

Le temperature massime comunque toccano i 32-34 °C ad aprile. Questi valori precedono i mesi più piovosi dell’anno, che vanno da giugno a tutto ottobre, caratterizzati anche da rovesci intensi. La temperatura del mare oscilla dai 26°C dell’inverno, valori comunque gradevoli, fino ai 29 °C della fine dell’estate. Questo periodo, però, è caratterizzato da cieli spesso nuvolosi e con rischio di depressioni tropicali o addirittura risentire dal transito di qualche uragano tropicale.

Dove alloggiare

Io ho alloggiato all’Itour Tulum. Ve lo consiglio perché si trova in un’ottima posizione. Infatti è proprio al grande incrocio tra la strada 307 e la 109, al limite della città di Tulum e a pochissima distanza dalle rovine. Alla reception mi ha accolto Miguel che, tra l’altro, parla benissimo italiano ed è stato gentilissimo e sempre disponibile. Le stanze sono poche e ognuna ha un tema, io ho alloggiato in quella Frida Kahlo.

tulum

Mi sono trovato stra bene qui. Stanza pulita e spaziosa, letto comodo e personale gentilissimo hanno sicuramente contribuito a rendere l’esperienza a Tulum ancora migliore.

 



Booking.com

Lascia un commento